le News Ultime Notizie

Come perdere la testa per il Capocollo di Martina

 
02/09/2014  
Dopo il successo dello scorso anno, torna “Come perdere la testa per il capocollo di Martina”, la manifestazione enogastronomica promossa dal Comune di Martina Franca – Assessorato alle Attività Produttive, dal Gal Valle d’Itria, e dall’Associazione “Produttori Capocollo di Martina Franca” in collaborazione con Fondazione Slow Food per la Biodiversità, Slow Food – Alberobello e Valle d’Itria, Touring club italiano e ProLoco Martina. Dal 5 al 7 settembre 2014, dunque, in diversi luoghi della città, tre giorni di enogastronomia, cultura, turismo, promozione, qualità e sviluppo per “celebrare” il capocollo di Martina Franca, uno delle eccellenze del territorio che dal 2000 è diventato Presidio Slow Food ed è entrato nell’elenco dei prodotti tradizionali del Ministero delle Politiche Agricole. Nel 2007, per continuarne il percorso di valorizzazione, si è costituita l’Associazione che ha prodotto il disciplinare di produzione e ne ha individuato l’area interessata che coincide con il Gal Valle d’Itria composto dai Comuni di Martina Franca, Locorotondo e Cisternino. Ad inaugurare le iniziative in programma, sarà il convegno “Capocollo di Martina Franca – tutelare il prodotto per valorizzare il territorio”, previsto per venerdì 5 settembre, alle ore 17.30, nella Biblioteca comunale di Palazzo Ducale a Martina Franca, in cui interverranno studiosi ed esperti di livello nazionale ed internazionale. In tale occasione interverranno anche Piero Sardo, presidente della Fondazione Slow Food per la Biodiversità, che presenterà il progetto “10.000 orti in Africa”, Paolo Massobrio, giornalista ed esperto internazionale di enogastronomia, Alfonso Filippone del Dipartimento Scienze Agrarie degli Alimenti e dell’Ambiente dell’Università di Foggia che presenterà i primi risultati del suo lavoro di ricerca sul Capocollo di Martina, e Francesco Lenoci vicepresidente dell’Associazione Regionale Pugliesi di Milano che relazionerà su “Storie di Creazione di Valore: il Capocollo di Martina Franca”. La sede della Società Operaia (Piazza Garibaldi) ospiterà la mostra fotografica “Cibi che cambiano il mondo”, che intende presentare il cibo come motore di cambiamento verso la cooperazione e lo sviluppo attraverso la tutela della biodiversità e la sostenibilità ambientale, mentre nella sede della Società Artigiana (Piazza Plebiscito) si terranno i laboratori di degustazione “Tra Capo e Collo” (il venerdì previste due sessioni, alle 19.30 e alle 20.30, il sabato e la domenica in programma tre incontri: 18.30, 19.30 e 20.30). L’ingresso è libero con prenotazione obbligatoria al numero 338/5056501. Per tutte e tre le serate, dalle ore 19.00 alle ore 24.00 Piazza XX settembre sarà la cornice degli stands dei Presidi Slow Food e delle eccellenze enogastronomiche con degustazioni e vendita di prodotti. Sarà presente anche il “Club Amici del Toscano” per degustare il più classico fra i sigari. Alle ore 20.00 la Compagnia Stabile di Alberobello metterà in scena rappresentazioni in costume con riti, canti e danze della civiltà contadina della Valle d’Itria. Alle ore 21.00 musica in piazza con gruppi musicali locali. A chiusura della manifestazione, domenica 7 settembre, alle ore 21.00, in Piazza XX settembre “Quattro chiacchiere sullo stradone” con il giornalista Giovanni Colonna che raccoglierà testimonianze delle istituzioni, degli operatori e degli ospiti presenti. “In linea con expo 2015, questa seconda edizione di ‘Come perdere la testa per il capocollo’ intende parlare dei nostri cibi e delle nostre traduzioni, fonte di reddito per le nostre imprese, da valorizzare e promuovere, simbolo del buon vivere per la nostra cultura e per un turismo che sceglie sempre più spesso la nostra Valle proprio per il buon cibo”, dichiara Nunzia Convertini, assessore alle Attività Produttive.
   

Un progetto per caratterizzare il Capocollo di Martina Franca

 
18/06/2014  
L’Associazione Produttori ‘Capocollo di Martina Franca’ ha attivato, nei giorni scorsi, un progetto di caratterizzazione tecnico-scientifica del ‘Capocollo di Martina Franca’, in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimenti e Ambiente dell’Università di Foggia. Il programma nato all’interno di un dottorato di ricerca in “Gestione dell’innovazione dei sistemi agroalimentari nella Regione Mediterranea”, vedrà il coordinamento diretto del Dott. Alfonso Filippone e la partecipazione del Prof. Di Luccia Aldo e della Prof.ssa Altieri Clelia come tutor dell’attività. “Questo è un lavoro fondamentale e prioritario”, ci dice Angelo Costantini, presidente dell’Associazione, “sia per migliorare ancor di più la qualità del prodotto che per meglio intraprendere qualsiasi azione di tutela e difesa, ma anche, uno strumento che, nell’interesse del consumatore finale, ci permetterà di raccontare meglio e con una informazione tecnica corretta questo prodotto che in tanti c’invidiano e cercano d’ imitare”. Per un intero anno, saranno analizzati, nelle varie fasi di lavorazione, circa un centinaio di capocolli prodotti dagli associati, con l'obiettivo di ottenere una mappatura tecnico-scientifica completa del prodotto e per la prima volta potremo definire cos’è veramente il ‘Capocollo di Martina Franca’ e quali sono le caratteristiche che lo distinguono da altri prodotti similari presenti sul mercato. La caratterizzazione è articolata in tredici step di analisi che vanno dalla materia prima alla salatura, alla marinatura nel vin cotto, fino alla stagionatura, passando per l'insacco nel budello, l'asciugatura e l'affumicatura. Ogni mese le campionature dei singoli produttori, ritirate dall'Università di Foggia, saranno analizzati sotto l’aspetto non solo microbiologico, chimico, biochimico, ma anche, organolettico e salutistico. I risultati definitivi saranno resi noti nel maggio 2015.
   

Corso per assaggiatori di salumi

 
11/02/2014  

L'Associazione Presidio Capocollo di Martina Franca, nell'ambito delle attivita' programmate per l'anno 2014, ha riservato uno spazio rilevante e significativo alla formazione, rivolta sia ai produttori associati che a tutti coloro che operano lungo l'intera filiera: dalla produzione al consumatore finale.

Vari e diversificati saranno gli eventi nel corso dell'anno.

Il primo, in ordine di tempo ma anche d'importanza, e' il Corso di Primo Livello per ASPIRANTI ASSAGGIATORI DI SALUMI che insieme all'ONAS Organizzazione Nazionale Assaggiatori Salumi abbiamo voluto organizzare, per la prima volta a Martina Franca.

Una imperdibile occasione per produttori e operatori della ristorazione che potranno potenziare il livello tecnico di conoscenza al fine di migliorare la qualita' dell'offerta; ma anche, una occasione accattivante per cultori, estimatori e cosi' detti esperti del settore.

Il primo modulo si svolgera' domenica 2 e domenica 9 marzo prossimo, presso il Park Hotel S. Michele a Martina Franca, in una full immersion dalle ore 10,00 alle ore 16,00.

Cinque lezioni, tenute da docenti ONAS esperti a livello nazionale, con degustazioni guidate ed esame finale per accedere ai moduli successivi.

L'obiettivo che l'Associazione Presidio Capocollo di Martina Franca si propone e' quello organizzare nel corso del 2014, per la prima volta nel sud Italia e nella citta' di Martina Franca, i tre moduli di formazione ONAS che permetteranno ai finalisti l'accesso al Secondo livello per Maestri Assaggiatori.

Per informazioni: Cell. 333 7403370 E mail: costantiniangelo@libero.it

Leggi il programma

   

CAPOCOLLO PRELIBATO PER COMBATTERE IL COLESTEROLO

 
15/09/2009  
"Il Capocollo di Martina Franca ieri ed oggi":una delle eccellenze della gastronomia pugliese, dal 2000 Presidio Slow Food, e' stato il tema di un evento ad Agrimed, la vetrina specializzata del mondo dell'Agricoltura in svolgimento alla 73^ Fiera del Levante.
Il tradizionale percorso di preparazione e conservazione del prelibato salume martinese e' stato trattato in una approfondita relazione del Prof. Aldo LUISI, docente di storia della letteratura latina e di gastronomia all'Universita' di Bari, da Angelo COSTANTINI, Presidente dell'Associazione di Marchio e Tutela del 'Capocollo di Martina Franca' che ha messo in guardia i consumatori dalla presenza sul mercato di capocolli estranei alla trdizione martinese e non in linea con il disciplinare di produzione.Ha concluso l'incontro il nutrizionista Nico DELISIO, che ha esaltato l'aspetto nutrizionale del capocollo.
   

Riconoscimento ministeriale ai salumi martinesi

 
18/06/2009  
Su richiesta ed istruttoria di Angelo COSTANTINI, Presidente dell'Associazione Produttori Capocollo di Martina Franca, il Ministero delle Politiche Agricole, con D.M. del 05/06/2009, ha inserito nell'elenco nazionale PRODOTTO TRADIZIONALE:
"Sopressata di Martina Franca"
"Pancetta arrotolata di Martina Franca"

E' un importante riconoscimento che premia il lavoro di valorizzazione del nostro patrimonio agroalimentare che la nostra Associazione, con impegno e passione, sta portando avanti.
   

Presentazione alla Stampa del Marchio e del Sito

 
15/11/2007  
Presso il Museo delle Pianelle nel Palazzo Ducale di Martina Franca, l'Associazione dei produttori del Capocollo di Martina Franca ha invitato giornalisti e addetti ai lavori, per presentare:
1. il Marchio e logo dell'Associazione
2. i soci e i partner dell'Associazione
3. le iniziative di promozione 2007/2008
4. il sito web ufficiale
5. il Programma di ricerca dell'Universita' di Agraria di Bari
Oltre agli interventi del Dott. F. Palazzo, Sindaco di Martina Franca, della dott.sa Di Cagno del Dipartimento Microbiologia Applicata dell'Universita' Agraria di Bari, del Dott. C. N. Pagliarone, Direttore S.I.A.N., lo Studio GFC Associati e lo studio Camerasei hanno presentato il Marchio, l'immagine coordinata dell'Associazione e il sito internet. In fine, lo Chef Nicola Colucci ha preparato e servito dei particolarissimi piatti a base di "Capocollo di Martina Franca".